overdenture-impianti-roma

La tecnica All-on- 4 si utilizza anche per l’overdenture su impianti?

La tecnica All-on-4 è l’ideale per i pazienti totalmente edentuli oppure con dentature molto rovinate e si può utilizzare anche per l’overdenture su impianti, cioè la dentiera ancorata sugli impianti.

Implantologia non invasiva

La tecnica chiamata All-on-4 (cioè letteralmente “tutto su quattro”) consiste nel fissare soltanto quattro impianti dentali e su di essi inserire delle protesi fisse. Il sistema è eseguibile sia sull’arcata superiore che su quella inferiore. Il risultato estetico è estremamente apprezzabile nonché economico perché il numero di impianti necessari è minore rispetto agli impianti tradizionali. Inoltre, di conseguenza, anche i tempi di intervento sono più brevi.

La tecnica All-on-4 non è invasiva e non prevede l’uso né di bisturi né di sutura e si svolge in anestesia locale. Il recupero post operatorio e rapido e privo di fastidi.

Ideale anche per l’overdenture su impianti

Questo tipo di soluzione, ideale per pazienti totalmente edentuli oppure con dentature molto rovinate, si può utilizzare anche per l’overdenture su impianti, cioè la dentiera ancorata sugli impianti. Grazie alla tecnica a carico immediato All-on-4 un individuo portatore di dentiera mobile potrà certamente avere quest’ultima fissata, in modo più stabile e sicuro, ai nuovi impianti per osso. Spesso, infatti, le persone non sono soddisfatte della tenuta delle protesi mobili.

I quattro impianti, in questo caso, avranno alla loro estremità dei piccoli bottoni ai quali saranno agganciate delle cuffiette poste sulla faccia interna della dentiera. In pratica l’impianto, di solito a sfera, ha un attacco maschio che si incastra perfettamente con l’attacco femmina della protesi. Non è quindi necessario realizzare una dentiera ex novo. Cessano così tutti i problemi ed i limiti relativi alla masticazione, il senso di disagio dovuto all’instabilità della protesi, le irritazioni e le piaghe. Inoltre il paziente non dovrà subire più le alterazioni del gusto (dovute al palato coperto), eventuali problemi nella pronuncia o senso di vomito.

Questo tipo di soluzione è sovente preferibile per persone che hanno portato la dentiera per anni. Infatti l’osso mascellare può essere soggetto ad una notevole atrofia ed una protesi mobile ma stabile è a volte migliore di una definitiva.

Nello Studio Odontoiatrico Di Lucia a Roma si attua una chirurgia computer guidata che permette di elaborare virtualmente l’operazione e di realizzare un preciso schema delle strutture anatomiche che saranno sede dell’impianto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>